HOSTGUESTcasetta

Articoli Food

Torna al Food Blog

01/12/2016, 16:49





 Tipici dolci siciliani che se preparati in casa non hanno paragone con quelli comprati nelle migliori pasticcerie



Non mi piace comprare i dolci di mandorle al bar perchè non so se usano la mandorla di Avola o comunque quella siciliana, e non so se oltre alla mandorla usano anche farina; per rimanere così a lungo morbida useranno penso dei conservanti; e poi il prezzo.....stendiamo un velo!!!
Così finisco sempre per commissionare le paste di mandorla a mia madre che ha la magia tra le mani, sai una di quelle donne che ogni cosa che tocca la trasforma in un capolavoro di gusto! 
Qualche giorno fa però mi è capitata una cosa nuova: ho assaggiato una pasta di mandorle più buona di quella che prepara mia madre! La pasticcera in questione abita ad Agira ed è la madre della mia amica Carmela che appunto me le ha regalate.
Ad Agira i dolci tipici sono le "cassatelle", ma preparano anche gli "amaretti" che di amaro non hanno nulla anzi, sono un tripudio di scioglievole dolcezza.
Facilissime da fare e molto sbrigative ecco le foto di quelle che ho fatto subito dopo aver avuto la ricetta e l’imbutino per formarle (regalo di Carmela). 

La ricetta:
1,5 Kg di mandorle, 1 Kg. di zucchero semolato, 4 albumi, la scorza di 2 limoni, 1/4 di bicchiere di Martini. 

Sbollentare e sgusciare le mandorle, tritarle prima con la scorza dei limoni e di nuovo con lo zucchero. Sbattere gli albumi in un recipiente capiente ed incorporarvi il trito di mandorle ed il Martini bianco. Con l’impasto riempite l’imbutino che vedete nella foto e con i pollici spingete l’impasto sulla teglia rivestita di carta forno, poi con le dita date una forma a punta. Infornate a 250° fino alla doratura delle punte (pochi minuti) e spolverate di zucchero a velo.
Questo tipo di cottura fa in modo che di fuori risultino leggermente croccanti e dentro morbidissime e umide, proprio al sapore di mandorla. Dentro le tipiche bustine trasparenti si conservano per diversi giorni, ma non preparatene più di quante potete consumarne in 1 settimana.
Provatele e non ve ne pentirete!


1
Create a website